Inizio e fine della partita

4.00 Inizio e fine della partita

4.01
A meno che la squadra di casa abbia dato tempestivo avviso che la partita è stata rimandata o che ne è stato ritardato l'inizio, "5 minuti" prima dell'ora stabilita per l'inizio dell'incontro, l'arbitro o gli arbitri debbono entrare sul terreno di gioco e dirigersi alla casa base ove incontrano i managers delle squadre. Si svolgeranno poi nell'ordine le seguenti formalità:
Prima, il manager della squadra di casa consegna il suo ordine di battuta all'arbitro-capo in duplice copia;
poi il manager della squadra ospitata consegna il suo ordine di battuta all'arbitro-capo in duplice copia;
l'arbitro-capo accerta che l'originale e le copie dei rispettivi ordini di battuta siano identici e poi consegna una copia di ciascun ordine di battuta al manager avversario. La copia trattenuta dall'arbitro costituisce l'ordine di battuta ufficiale. La consegna degli ordini di battuta da parte dell'arbitro rende ufficiali tali documenti e da quel momento nessuna sostituzione può essere effettuata dai managers eccetto che nei casi previsti da questo regolamento;
non appena l'ordine di battuta della squadra di casa è consegnato all'arbitro-capo, gli arbitri diventano i soli responsabili del terreno di gioco e da quel momento essi soli hanno l'autorità di decidere quando una partita deve essere finita, sospesa o ripresa a causa delle condizioni atmosferiche o del terreno di gioco.
Errori ovvi nell'ordine di battuta che siano notati dall'arbitro capo prima che lui chiami gioco per iniziare la partita dovranno essere portati all'attenzione del manager o capitano della squadra in errore affinché la correzione possa essere fatta prima che la partita inizi. Per esempio se un manager inavvertitamente o ha elencato solo otto giocatori nell'ordine di battuta o ha elencato due giocatori con lo stesso cognome senza una iniziale di identificazione e gli errori sono notati dall'arbitro prima che chiami gioco, egli provvederà a che detti errori siano corretti prima. che chiami gioco per iniziare la partita. Le squadre non dovrebbero essere messe in difficoltà più tardi da qualche errore che era ovvia niente inavvertito e che può essere corretto prima che la partita inizi.

4.02
I giocatori della squadra di casa assumono la loro posizione difensiva; il primo battitore della squadra ospitata prende posto nel box del battitore, l'arbitro chiama "gioco" e la partita ha inizio.

4.03
Quando la palla è messa in gioco, all'inizio o durante la partita, tutti i difensori ad eccezione del ricevitore, debbono essere in territorio buono.
Il ricevitore deve stare immediatamente dietro il piatto di casa base. Egli si può allontanare dalla sua posizione in qualsiasi momento per prendere un lancio o fare un gioco salvo quando al battitore viene data intenzionalmente una base su ball, nel qual caso deve essere con ambo i piedi entro le linee del box del ricevitore finché la palla non lascia la mano del lanciatore. PENALITÀ': balk (fallo).
Il lanciatore, nell'effettuare il lancio della palla al battitore, deve assumere la sua posizione legale.
Ad eccezione del lanciatore e del ricevitore, tutti gli altri difensori possono occupare qualsiasi posizione in territorio buono.
Ad eccezione del battitore o di un corridore che tenta di segnare il punto, nessun attaccante può attraversare le linee del box del ricevitore quando la palla è in gioco.

4.04
L'ordine di battuta deve essere seguito per tutta la partita a meno che un giocatore venga sostituito con un altro. In questo caso il sostituto deve prendere, nell'ordine di battuta, il posto del giocatore sostituito.

4.05
Durante il proprio turno alla battuta la squadra all'attacco deve avere in campo due suggeritori di base: uno vicino alla prima e l'altro vicino alla terza base.
I suggeritori di base devono essere soltanto due e debbono (1) vestire la divisa della propria squadra; (2) rimanere nel box dei suggeritori per tutto il tempo suddetto.
PENALlTÀ: il trasgressore deve essere espulso dalla partita e lasciare il terreno di gioco. È stata pratica comune per molti anni di alcuni suggeritori di tenere un piede fuori del box o stare a cavalcioni o leggermente fuori delle linee del box. Il suggeritore non verrà considerato fuori dal box a meno che il manager dell'altra squadra se ne lamenti e allora l'arbitro imporrà direttamente la regola e richiederà ai suggeritori di entrambe le squadre di rimanere nel box tutto il tempo.
È anche pratica comune per un suggeritore che ha un gioco alla ala base di lasciare il box per segnalare al giocatore di scivolare, avanzare o tornare ad una base. Questo può essere permesso se il suggeritore non interferisce in alcun modo con il gioco.

4.06
Nessun manager, giocatore, sostituto, accompagnatore o raccattamazze può in alcun momento, dalla panchina, dal box del suggeritore, sul campo di gioco o altrove:
incitare o cercare di incitare con parole o gesti una dimostrazione degli spettatori;
usare un linguaggio che in qualsiasi maniera si riferisca direttamente o indirettamente ad un arbitro, ad un giocatore avversario o a qualsiasi spettatore;
mentre la palla è viva ed in gioco chiamare "tempo", usare qualsiasi altra parola, frase o compiere qualsiasi atto, con l'ovvio proposito di tentare di far commettere un fallo al lanciatore;
entrare intenzionalmente in qualsiasi maniera in contatto fisico con l'arbitro.
Nessun difensore può prendere posizione nel campo visivo del battitore o agire in maniera da distrarlo con deliberato intento antisportivo.
PENALITÀ: il trasgressore deve essere espulso e lasciare il terreno di gioco ed un fallo (balk), eventualmente commesso, dovrà essere annullato.

4.07
Quando un manager, giocatore, suggeritore o massaggiatore viene espulso dalla partita deve lasciare immediatamente il terreno di gioco e non può più partecipare attivamente alla gara stessa. Egli dovrà restare negli spogliatoi o prendere posto in tribuna, dopo essersi rivestito con gli abiti civili, avendo però cura di scegliersi un posto distante dalla panchina o trincea della propria squadra.
Se un manager, suggeritori o giocatore, è sotto sospensione non può trovarsi nella panchina o nella tribuna stampa durante una partita.

4.08
Quando gli occupanti di una panchina dimostrano in modo violento di disapprovare una decisione arbitrale, l'arbitro deve avvertirli che tale condotta deve cessare. Qualora la dimostrazione continuasse:
PENALITÀ: l'arbitro deve ordinare agli offensori di recarsi negli spogliatoi. Se egli non riesce ad individuare l'offensore o gli offensori, può fare allontanare dalla panchina tutti i sostituti. Il manager della squadra colpevole ha il diritto di richiamare in campo nel corso della partita solo i giocatori di cui ha bisogno per effettuare le sostituzioni.

4.09
MODO DI SEGNARE I PUNTI:
un punto viene segnato ogni volta che un corridore, avanzando legalmente, tocca prima, seconda, terza, casa base prima che tre uomini siano eliminati ed abbia quindi termine la ripresa: ECCEZIONE: il punto non è valido qualora il corridore raggiunga casa base nel corso di una azione in cui il terzo eliminato è:
il battitore-corridore prima che tocchi la prima base;
un qualsiasi corridore forzato;
un precedente corridore che è dichiarato eliminato perché ha omesso di toccare una base.
quando il punto della vittoria viene segnato nell'ultima metà dell'ultima ripresa di una partita regolamentare, o nell'ultima metà di una ripresa supplementare, ed è il risultato di una base su balls, battitore colpito o qualsiasi altro gioco che con le basi piene forza il corridore in terza base ad avanzare, l'arbitro non deve dichiarare finita la partita fino a quando il corridore forzato ad avanzare dalla terza base non ha toccato casa base ed il battitore-corridore non ha toccato la prima base.
Una eccezione verrà fatta nel caso che i sostenitori irrompano nel campo e impediscano fisicamente al corridore di toccare la casa base o al battitore di toccare la prima base. In questi casi l'arbitro assegnerà la base per l'ostruzione dei sostenitori.
PENALITÀ: se il corridore in terza rifiuta di avanzare e toccare casa base in un tempo ragionevole, l'arbitro non deve concedere il punto, deve eliminare il giocatore e far riprendere il gioco. Se, con due eliminati, il battitore-corridore rifiuta di avanzare e toccare la prima base, l'arbitro non deve concedere il punto, deve eliminare il battitore-corridore e ordinare la ripresa del gioco. Se con meno di due eliminati, il battitore-corridore rifiuta di avanzare e toccare la prima base, il punto conta ma il battitore-corridore è eliminato.
NORMA APPROVATA: Nessun punto può essere segnato nel corso di un'azione nella quale la terza eliminazione viene fatta sul battitore-corridore prima che egli raggiunga salvo la prima base. Esempio: Uno eliminato, Bianchi in seconda base, Colombo in prima base; il battitore batte una lunga battuta buona. Mentre Bianchi arriva facilmente a casa base, la difesa riesce ad eliminare Colombo che sta per raggiungerla. Due eliminati. Il battitore aveva però omesso di toccare la prima base. La palla viene tirata in prima base, viene fatto l'appello ed il battitore viene dichiarato eliminato. Terzo eliminato. Poiché Bianchi ha segnato il suo punto nel corso di un gioco in cui il terzo out è fatto sul battitore-corridore prima che abbia raggiunto la prima base, il punto di Bianchi non conta
NORMA APPROVATA: l'atto di un precedente corridore non può influire su un corridore che segue a meno che vi siano già due eliminati.
Esempio: un eliminato, Colombo in seconda, Bianchi in prima e il battitore effettua una battuta-punto all'interno del campo, Colombo omette di toccare la terza base nella sua corsa a casa; Bianchi e il battitore segnano. La difesa passa la palla in terza base e si appella all'arbitro. Colombo viene dichiarato eliminato. I punti di Bianchi e del battitore sono validi.
NORMA APPROVATA: due eliminati, Colombo in seconda, Bianchi in prima ed il battitore effettua una battuta-punto all'interno del campo. Tutti e tre corridori attraversano il piatto. Ma Colombo, avendo omesso di toccare la terza base, viene dichiarato eliminato su appello della difesa. Tre eliminati. I punti di Bianchi e del battitore vengono pure annullati su questa azione. In questo caso nessun punto viene assegnato.
NORMA APPROVATA: un eliminato, Colombo in terza base, Bianchi in seconda base, il battitore viene eliminato al volo dall'esterno centro. Secondo eliminato. Colombo segna il punto dopo la presa ed anche Bianchi segna su un tiro a casa base. Ma Colombo, su appello, viene eliminato per essersi staccato dalla terza base prima della presa. Tre eliminati. Nessun punto è valido.
NORMA APPROVATA: due eliminati, basi piene. Il battitore effettua una battuta punto oltre la cinta del campo. Il battitore è dichiarato eliminato, su appello, per aver omesso di toccare la prima base. Tre eliminati, nessun punto conta.
Si ha qui una norma di carattere generale che stabilisce: quando un corridore salta una base e un difensore tiene la palla sulla base saltata, o sulla base originariamente occupata dal corridore se una palla battuta è presa al volo, e si appella all'arbitro per la decisione, il corridore è eliminato quando l'arbitro convalida l'appello; tutti i corridori possono segnare, se è possibile, con l'eccezione seguente: nel caso vi fossero due eliminati, il corridore deve ritenersi eliminato nel momento stesso in cui ha saltato la base—se viene fatto appello—e pertanto i corridori seguenti non segneranno.
NORMA APPROVATA: un eliminato. Colombo in terza Bianchi in prima e il battitore viene eliminato al volo dall'esterno destro. Due eliminati. Colombo ritocca la base dopo la presa e segna il punto. Bianchi, cerca di ritornare in prima base, ma il tiro dell'esterno dentro lo precede sulla base. Tre eliminati. Avendo per Colombo segnato il punto prima che il tiro effettuato per eliminare Bianchi arrivasse in prima base, il punto stesso deve ritenersi valido non trattandosi, in questo caso, di gioco forzato.

4.10
Una partita regolamentare è di nove riprese a meno che non venga prolungata per parità di punteggio o abbreviata (l) perché la squadra di casa non ha bisogno della seconda metà o di una frazione della nona ripresa o (2) perché l'arbitro pone termine alla partita.
ECCEZIONE: la F.I.B.S. può stabilire che una o entrambe le partite di un doppio incontro vengano giocate su sette riprese. In tali partite le norme del presente regolamento relative al nono inning devono intendersi applicabili al settimo inning.
Se dopo nove inning completi, il punteggio è pari, il gioco deve continuare finché:
la squadra ospitata non ha segnato un numero maggiore di punti della squadra di casa alla fine di un inning completo;
la squadra di casa segna il punto della vittoria in un inning incompleto.
Una partita interrotta è una partita regolamentare se:
sono stati completati cinque inning;
la squadra di casa in quattro inning o quattro inning e una frazione, ha segnato più punti di quanti ne ha segnati la squadra ospitata i cinque inning completi;

la squadra di casa, segnando uno o più punti nel corso della propria metà del quinto inning, riesce a pareggiare il punteggio.
Se entrambe le squadre hanno segnato lo stesso numero di punti quando la partita ha termine, l'arbitro dichiarerà la stessa "PARTITA PARI".
Se la partita viene interrotta prima che essa possa definirsi REGOLAMENTARE la stessa sarà dichiarata dall'arbitro "PARTITA NON VALIDA".
Il biglietto d'ingresso non verrà rimborsato per nessuna partita regolamentare o sospesa se la gara è progredita fino a, o oltre, uno dei punti della regola 4.10 c) descritta.

4.10
Una partita regolamentare è di sei riprese a meno che non venga prolungata per parità di punteggio o abbreviata:
perché la squadra ospitante non ha bisogno della seconda metà della sesta ripresa o frazione di essa;
perché l'arbitro pone termine alla partita.
Se le squadre sono in pareggio dopo sei riprese complete, il gioco continuerà fino a quando:
La squadra ospite avrà segnato un numero maggiore di punti della squadra di casa alla fine di una ripresa completa.
La squadra di casa avrà segnato il punto vincente in una ripresa non completata.
Una partita interrotta è una partita regolamentare se:
Sono state completate quattro riprese;
La squadra di casa ha segnato più punti, in tre o in tre riprese e mezzo, di quanti ne abbia segnati la squadra ospite in quattro riprese complete;
Se la squadra di casa segna uno o più punti nella sua metà della quarta ripresa e riesce a pareggiare il punteggio.
Se una partita viene interrotta prima che possa definirsi una partita regolamentare, l'arbitro dovrà dichiararla "partita non valida".
NOTA: ai fini della tenuta degli "scorers" ufficiali, i records di battuta, di lancio e di difesa non debbono essere presi in considerazione. Tuttavia il lanciatore deve avere a suo carico il numero di riprese in cui ha lanciato nella settimana in corso.

4.11
Il punteggio di una partita regolamentare é dato dal numero complessivo dei punti segnati da ogni squadra nel momento in cui la partita ha termine.
La partita ha termine quando la squadra ospitata ha completato la propria metà del nono inning, se la squadra di casa è in vantaggio.
La partita ha termine quando è completato il nono inning, se la squadra ospitata è in vantaggio.
Se la squadra di casa segna il punto della vittoria nella propria metà del nono inning (o nella propria metà di un inning supplementare dopo un pareggio), la partita dovrà considerarsi terminata non appena tale punto viene segnato.
ECCEZIONE: Se l'ultimo battitore della partita batte la palla fuori dal campo di gioco, il battitore-corridore e tutti i corridori già sulle basi hanno il diritto di segnare il punto nei modi previsti dalle norme che governano la corsa sulle basi. In tale caso la partita avrà termine nel momento in cui il battitore-corridore tocca il piatto di casa base.
NORMA APPROVATA: il battitore realizza la vittoria per la propria squadra battendo la palla fuori del campo di gioco nel corso dell'ultima metà del nono inning o di un inning supplementare ma viene dichiarato eliminato per aver oltrepassato un corridore che lo precede. In tale caso la partita ha termine quando viene segnato il punto della vittoria.
Una partita interrotta ha termine nel momento in cui l'arbitro pone fine al gioco.
ECCEZIONE: se la partita viene interrotta mentre è in corso e non è stato completato un inning, la partita viene considerata SOSPESA in ognuna delle seguenti situazioni:
la squadra ospitata ha segnato uno o più punti per portare in parità la partita e la squadra di casa non ha segnato;
la squadra ospitata ha segnato uno o più punti portandosi in vantaggio e la squadra di casa non ha pareggiato o non si è riportata in vantaggio. La F.I.B.S. può anche adottare la seguente regola per le partite sospese in aggiunta alla 4.11 d) 1) e 2) sopra citate. Se la F.l.B.S. applica tali regole, non verranno applicate le regole 4.10 c) d) e).
La gara non sarà considerata regolamentare (4 innings e mezzo con la squadra di casa in vantaggio o 5 innings con la squadra ospitata in vantaggio o in parità);
Qualsiasi gara regolamentare pari in un momento del gioco è terminata a causa del maltempo, coprifuoco o altra ragione.
Se una gara è sospesa prima che sia una gara regolamentare e viene continuata a seguito di un'altra gara regolarmente in calendario, la gara regolarmente in calendario sarà limitata a sette innings.
Se una gara è sospesa dopo che sia diventata una gara regolamentare, e viene continuata prima di un'altra gara regolarmente in calendario, la gara regolarmente in calendario sarà di nove riprese.
ECCEZIONE: Le sezioni di cui sopra 3) 4) 5) e 6) non saranno applicate all'ultima gara in calendario fra le due squadre durante il campionato, o durante i play-off.
Qualunque gara sospesa non completata prima dell'ultima gara in calendario fra le due squadre durante il campionato, diventerà una partita interrotta.

4.11
Il punteggio di una partita regolamentare è dato dal numero complessivo di punti segnati da ogni squadra al momento in cui la partita finisce.
La partita finisce quando la squadra ospite completa la sua metà della sesta ripresa, se la squadra di casa è in vantaggio.
La partita finisce quando al termine della sesta ripresa, la squadra ospite è in vantaggio.
Se la squadra di casa segna il punto vincente durante la sua metà della sesta ripresa o di una ripresa supplementare in caso di parità, la partita finisce immediatamente quando è segnato il punto della vittoria.
ECCEZIONE: Se l'ultimo battitore della partita batte la palla fuori del campo di gioco egli e tutti i corridori già sulle basi hanno il diritto di segnare il punto nei modi previsti dalle norme che regolano la corsa sulle basi. In tale caso la partita avrà termine nel momento in cui il battitore-corridore tocca il piatto di casa base.
NORMA APPROVATA: Il battitore realizza la vittoria per la propria squadra battendo la palla fuori del campo di gioco nel corso dell'ultima metà del sesto inning o di un inning supplementare ma viene dichiarato eliminato per aver oltrepassato un corridore che lo precede. In tale caso la partita ha termine quando viene segnato il punto della vittoria.
Una partita interrotta finisce al momento in cui l'arbitro pone fine al gioco.
ECCEZIONE: Se la partita viene interrotta durante una ripresa non completa, essa dovrà considerarsi terminata alla fine dell'ultimo inning completo qualora si verifichi una delle seguenti situazioni:
la squadra ospitata segnando uno o più punti riesce a portare in parità il punteggio mentre la squadra di casa non segna (nell'inning non completo);
la squadra ospitata segna due o più punti portandosi in vantaggio nell'inning incompleto e la squadra di casa non pareggia il punteggio o non riesce a riportarsi in vantaggio.
Una partita regolamentare che viene sospesa dall'arbitro dopo quattro o più innings completi mentre le squadre sono in parità, deve essere ripresa dal punto esatto in cui è stata sospesa. La partita continuerà fino a quando una squadra riuscirà a segnare più punti dell'altra in un uguale numero di riprese come previsto dalle regole 4.10 a) e 4.l0 b).
NOTA: Quando viene sospesa una partita in parità il lanciatore può continuare a lanciare nella stessa partita in qualsiasi data successiva, purché egli abbia osservato i richiesti giorni di riposo e sia utilizzabile come lanciatore in quella settimana di calendario in cui la partita viene ripresa Ai fini della tenuta degli scorers, essa si considererà la stessa partita e saranno validi tutti i records di battuta, di difesa e di lancio.

1 2 3 4 5 6

Squadra di FUORI 0 0 0 4 1

Squadra di CASA 0 0 0 5

ESEMPIO: Partita interrotta nella metà del 5° inning per pioggia. Il punteggio valido è quello dell'ultimo inning completo (4° inning) e la squadra di casa vince 5 a 4.

4.12
PARTITE SOSPESE
La F.I.B.S. adotterà le regole che seguono onde consentire il completamento, in data successiva, di una partita cui sia stato posto termine per una delle seguenti cause:
coprifuoco imposto dalla legge;
limiti di tempi previsti dal regolamento della F.I.B.S.;
mancanza di luce artificiale o mancato funzionamento di altre eventuali attrezzature meccaniche del campo controllate dalla squadra di casa. (Le attrezzature meccaniche del campo comprendono i teloni impermeabili automatici e l'equipaggiamento per la espulsione dell'acqua);
oscurità dipendente da disposizioni di legge che proibiscono il funzionamento dell'impianto di illuminazione;
se la partita viene interrotta mentre è in corso e non è stato completato un inning, verranno prese in considerazione le condizioni atmosferiche e una delle seguenti situazioni:
la squadra ospitata ha segnato uno o più punti portando in parità il punteggio e la squadra di casa non ha segnato;
la squadra ospitata ha segnato uno o più punti portandosi in vantaggio e la squadra di casa non ha pareggiato il punteggio o non si è riportata in vantaggio.
Tali partite sono considerate sospese. Una partita interrotta a causa del coprifuoco, delle condizioni atmosferiche o per limiti di tempo, non sarà considerata sospesa se si è prolungata a sufficienza sì da risultare regolamentare per quanto disposto dalla regola 4.10.
Una partita finita per i motivi elencati nella regola 4.12 (3) e (4) è una partita sospesa a prescindere da quanto sia riuscita a progredire.
NOTA: Al fine di determinare se una partita interrotta sia da considerare sospesa, dovranno avere precedenza le valutazioni riguardanti le condizioni atmosferiche e similari (vedere art. 4.12 (a) da 1 a 5). Una gara può essere considerata sospesa solo se tale gara viene interrotta a causa di uno qualsiasi dei cinque motivi specificati nella sezione (a). Qualsiasi partita regolamentare interrotta per maltempo con situazione di punteggio pari, va considerata come partita regolamentare pari (a meno che non prevalga la situazione descritta in 4.12 (a) punto (5) lettera "I") e deve essere giocata nuovamente per intero.
Una partita sospesa viene ripresa e completata come segue:
immediatamente prima del prossimo incontro singolo in programma tra le due squadre sul medesimo campo;
immediatamente prima del prossimo doppio incontro in programma tra le due squadre sul medesimo campo, se nessun altro incontro singolo rimane in calendario;
se sullo stesso campo non è previsto alcun ulteriore incontro, trasferendola e giocandola sul campo della squadra avversaria e, ove ci sia possibile:
immediatamente prima del prossimo incontro singolo in programma;
immediatamente prima del prossimo doppio incontro in programma se nessun altro incontro singolo è in calendario.
Se una partita sospesa non è stata ripresa e completata entro l'ultima giornata di calendario prevista per le due squadre, la stessa sarà considerata una partita finita.
Una partita sospesa deve essere ripresa dal punto esatto nel quale venne sospesa la partita originale. Il completamento di una partita sospesa è la continuazione della partita originale. L'elenco dei giocatori e l'ordine di battuta di entrambe le squadre debbono essere esattamente gli stessi in vigore al momento della sospensione e sono soggetti alle regole che governano le sostituzioni.
Qualunque giocatore può essere sostituito da un giocatore che non aveva preso parte al gioco prima della sospensione. Nessun giocatore sostituito prima della sospensione può rientrare e prendere parte al gioco. Un giocatore che non era cartellinato per la società quando la partita fu sospesa, può essere impiegato come sostituto, anche se prende il posto di un giocatore che non appartiene più alla società e che per essere stato rimosso dalla partita prima che la stessa venisse sospesa non avrebbe avuto il diritto di giocare.
Se immediatamente prima della sospensione di una partita un sostituto lanciatore stato annunciato ma non ha rilevato il lanciatore o non ha lanciato prima che il battitore diventi corridore, tale lanciatore, quando la partita sospesa viene più ripresa può, ma non è obbligato, iniziare la parte restante della partita. Tuttavia se non lo fa verrà considerato sostituito e non potrà più essere usato in quella partita.
Il biglietto d'ingresso non verrà rimborsato per nessuna partita regolamentare o sospesa se la gara è progredita fino a, o oltre, uno dei punti della regola 4.10.

4.12
Le partite in pareggio sospese a causa del maltempo, coprifuoco o mancanza di luce dovranno essere riprese al punto esatto in cui sono state sospese nella partita originaria. Possono essere completate prima della successiva partita in programma tra le stesse squadre. Un lanciatore può lanciare in tutte e due le partite nello stesso giorno purché si limiti alle sei riprese alla settimana, che è il limite previsto nella Regola 6b).
L'elenco dei giocatori e l ‘ordine di battuta di entrambe le squadre devono essere gli stessi in vigore al momento in cui la partita è stata sospesa salvo quanto è previsto dalle norme per la sostituzione.
Qualsiasi giocatore può essere sostituito da un altro giocatore che non partecipava alla partita sospesa. Nessun giocatore sostituito prima che la partita fosse sospesa può tornare nell'elenco dei giocatori a meno che si trovi nelle condizioni previste dalla Regola 3.03.
ESEMPIO: Una partita pari sospesa a causa del maltempo, coprifuoco o mancanza di luce deve essere ripresa dal punto esatto nel quale fu sospesa la gara.

1 2 3 4 5 6

Squadra di FUORI 0 0 0 0 1 5

Squadra di CASA 0 0 0 0 1

Gara interrotta nella prima metà del 6° inning, con squadra di fuori alla battuta con due eliminati e nessun corridore sulle basi: questa é una partita pari. La gara dovrà riprendere dall'inizio del 6° inning con la squadra di casa alla battuta e due eliminati.

4.13
REGOLA RIGUARDANTE I DOPPI INCONTRI
Nello stesso giorno possono essere giocate solo due partite di campionato. Il completamento di una partita sospesa non viola questa regola;
se, a causa di una variazione, il calendario prevede che debbano esser giocate consecutivamente due partite nello stesso giorno, la prima delle due è quella regolare per quel giorno.
Dopo l'inizio della prima partita di un doppio incontro, la stessa deve essere completata prima che possa aver inizio la seconda.
La seconda partita di un doppio incontro deve iniziare venti minuti dopo la fine della prima partita a meno che l'arbitro capo decida che l'intervallo tra le due partite debba essere più lungo (non eccedente comunque i trenta minuti) e comunichi la sua decisione ai managers alla fine della prima partita.
ECCEZIONE: se l'organo federale competente, per ragioni particolari, ha accolto la richiesta della squadra ospitante tendente ad ottenere un maggior intervallo tra le due partite, l'arbitro-capo deve dichiarare legale tale intervalla prolungato e darne comunicazione ai managers. L'arbitro capo della prima partita ha l'incarico di controllare la durata dell'intervallo fra le due partite.
L'arbitro deve iniziare la seconda partita di un doppio incontro se vi è la minima possibilità di farlo ed il gioco deve continuare fino a che le condizioni del terreno, le locali restrizioni di orario o le condizioni atmosferiche lo permettano.
Quando, per qualsiasi causa, un doppio incontro regolarmente programmato è ritardato in partenza, quella delle due partite che s'inizia è la prima partita del doppio incontro.
Quando una partita da rigiocare fa parte di un doppio incontro, tale partita deve essere la seconda partita, mentre la prima partita sarà quella stabilita dal calendario per quella giornata.

4.13
DOPPI INCONTRI: vedi regola 3.11.
Doppi incontri non possono essere messi in programma nella categoria "Ragazzi" che coinvolgano la stessa squadra in entrambe le partite. (ad eccezione di quanto previsto dalla Regola 4.12).

4.14
L'arbitro-capo deve ordinare l'accensione dell'impianto di illuminazione quando, a suo giudizio, l'oscurità rende rischioso
proseguire il gioco alla luce del giorno.

4.15
L'arbitro può dichiarare una partita vinta per forfait dalla squadra avversaria quando una squadra:
non si presenta in campo o trovandosi sul campo rifiuta di iniziare la partita entro cinque minuti dall'ordine del "gioco" dato dall'arbitro all'ora fissata per l'inizio della partita a meno che tale ritardo, a giudizio dell'arbitro, sia dovuto a cause di forza maggiore;
impiega tattiche palesemente tendenti a ritardare od abbreviare la partita;
rifiuta di continuare il gioco durante una partita a meno che la partita sia stata dichiarata dall'arbitro sospesa o finita;
non riprende a giocare dopo una sospensione, entro un minuto dalla chiamata di "gioco" da parte dell'arbitro;
dopo l'avvertimento dell'arbitro, intenzionalmente e insistentemente continua a violare una qualsiasi regola di gioco;
entro un ragionevole periodo di tempo, non ottempera all'ordine dell'arbitro di espulsione di un giocatore dalla partita,
non si presenta in campo per la seconda partita di un doppio incontro entro 20 minuti dalla fine della prima partita, a meno che l'arbitro-capo della prima partita non abbia prolungato l'intervallo.

4.16
La partita deve essere dichiarata vinta per forfait della squadra ospitata se, dopo essere stata sospesa, gli addetti alla manutenzione del campo non adempiono le disposizioni dell'arbitro intese a far ripristinare il campo stesso, per la ripresa del gioco.

4.17
Una partita è vinta per forfait dalla squadra avversaria, quando una squadra non è in grado o rifiuta di schierare nove giocatori in campo.

4.18
Se l'arbitro dichiara una partita vinta per forfait, deve inviare all'organo federale competente un rapporto scritto entro ventiquattro ore. Il mancato invio del rapporto non può influire sulla validità del forfait.

4.19
PARTITE PROTESTATE
La F.l.B.S. stabilisce la procedura da seguire per mettere sotto protesto una partita quando il manager reclama che una decisione dell'arbitro è in contrasto con il regolamento. Nessun protesto è ammesso contro le decisioni di giudizio degli arbitri.
Per tutte le partite protestate la decisione del competente Organo sarà definitiva. Anche nel caso che si convenga che la decisione arbitrale è in contrasto con il regolamento tecnico di gioco, non verrà ordinata la ripetizione della partita a meno che, secondo l'Organo competente la decisione errata non abbia precluso la possibilità di vittoria della squadra che ha proposto il protesto.
Quando un manager chiede il protesto di una partita per la errata applicazione delle regole, il protesto sarà riconosciuto solo se agli arbitri verrà notificato al momento in cui il gioco sono protesto è avvenuto e prima del prossimo lancio o dell'eliminazione di un corridore (vedere R.A.A.).